Contenuto Principale

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Giovannini 2019

Si terrà lunedì 24 giugno come da tradizione alle ore 12.00 in Piazza Roma, sotto i portici dell’Are...

La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

Niki Lauda, la leggenda della Formula 1, si è spento il 20 maggio in una clinica svizzera. Aveva 70 ...

In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

Gli articoli 20 e 27 del Regolamento del Parco di Monza e dei Giardini Reali sono chiari: i cani dev...

SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

Sabato 8 giugno, con il Corteo storico, inizia la seconda edizione del «Summer Monza 2019», il gra...

  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Giovannini 2019

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50
  • SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

FIDAPA BPW Italy - Lo sport contro la violenza PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Mercoledì 26 Novembre 2014 14:17
141124 Fidapa Campioni sportiviMolti campioni dello sport, attuali e del recente passato, hanno accolto l’invito a partecipare a “Insieme per vincere – Lo sport contro la violenza”, l’evento organizzato a Monza il 24 novembre 2014 al Teatro Manzoni dalla Sezione Fidapa di Monza e Brianza in occasione della Giornata mondiale contro la violenza di genere.
Obiettivo della serata, sensibilizzare le Istituzioni e i cittadini sull’importanza e assoluta necessità di continuare ad operare sul territorio per educare, in special modo i giovani, alla non violenza, alla difesa delle proprie e delle altrui libertà e al rispetto dell’altro come persona. E lo sport, in quanto veicolo di valori, può essere uno strumento molto efficace per insegnare la tolleranza e promuovere il rispetto delle regole, la condivisione dell’impegno e la subordinazione degli interessi personali a quelli collettivi.
141124 Fidapa - Ginnika2001Una serata densa e toccante, aperta dall’Inno d’Italia cantato dalla soprano Mariangela La Palombara, cui sono seguite una performance sportiva delle giovani allieve di Ginnika 2001 e la proiezione della web serie “cosedauomini”, la nuova campagna promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in cui la tematica della violenza di genere viene affrontata per la prima volta rivolgendosi al mondo maschile e veicolando il messaggio attraverso cinque episodi che vedono i rispettivi protagonisti legati tra loro dall’interesse per il calcio.
Madrina della serata, Valentina Marchei, campionessa italiana di pattinaggio artistico su ghiaccio. Sul palco del teatro si sono quindi alternati giovani atleti e grandi glorie del presente, tra cui Enrico Sordi pluricampione italiano di pattinaggio in linea freestyle e terzo ai mondiali di Parigi 2014 nella specialità Free-Jump e Roberto Riva pluricampione del mondo di pattinaggio artistico, nonché Veronica Plebani, pluricampionessa italiana di paracanoa e campionessa europea 2014 secondo oro dopo quello conquistato in Coppa del Mondo; e del passato, tra cui Matilde Ciccia, dieci volte campionessa italiana di pattinaggio su ghiaccio, Antonio Rossi, campione olimpionico e mondiale di canoa kayak, oggi Assessore allo Sport e Politiche giovanili della Regione Lombardia, e Pierluigi Marzorati, bandiera storica e icona della Pallacanestro Cantù, e dal 2010 Presidente del Comitato Regionale Lombardo CONI, che hanno testimoniato il valore e il ruolo dello sport nella società civile. Un’esibizione delle allieve di Astro Roller skating Monza sulle note di “Quello che le donne non dicono” di Fiorella Mannoia ha concluso la prima parte della serata.
Anna Maria Di Luca, giornalista di Sky Sport 24, ha invece moderato il dinamico talk show in cui i partecipanti hanno discusso di discriminazione e violenza nei confronti delle donne, soprattutto in ambito sportivo, affrontando il tema sotto il punto di vista psicologico, legale e sociale, e di metodologie e tecniche di prevenzione e difesa.
Preziosa la collaborazione della redazione di Junglum.com e del suo fotografo professionista Andrea Schiavina e di Be Pink Team, con il Federciclismo italiano, della make up artist Abla Barka del Hair&Beauty Store The Space di Milano e di Antonella Bianco regista del bellissimo Cortometraggio proiettato al termine dell’evento “Voglio una ruota”.

Con “Insieme per vincere – Lo sport contro la violenza” la Sezione Fidapa di Monza e Brianza chiude le attività del 2014, un anno impegnativo ma ricco di soddisfazioni: sono stati infatti molto apprezzati dalla cittadinanza e dalle Istituzioni monzesi il Convegno sulla leadership al femminile di marzo sul tema “Empowered Women Leading Business - Bringing the voice of women to business”, la presenza del gazebo Fidapa nella piazza dell’Arengario di Monza in occasione dell’Equal Pay Day per l’uguaglianza salariale tra uomini e donne ad aprile e la cerimonia dell’E Eccellenze con la consegna del Premio Donna Fidapa B.P.W. Italy 2014 a 5 eccellenze del territorio brianzolo presso il Museo e Tesoro del Duomo di Monza. A tutti gli eventi hanno sempre partecipato le massime cariche del territorio: il Presidente della Provincia di Monza e Brianza, il Sindaco e il Vicesindaco di Monza, nonché rappresentati della Regione Lombardia.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Io sto con la Legge Italiana :#io NON sto con Carola

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Sarà che sono stata “tirata su” a pane, studio, sport e disciplina. Sarà che se vìoli le regole dello sport che pratichi sei fuori dai giochi. Sarà che è sempre più facile per chiunque dire sì che opporre un divieto, sarà che in uno Stato di Diritto quale l’Italia è, si presuppone che l’agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle Leggi vigenti e lo Stato stesso sottopone esso medesimo al rispetto di Codici e di Costituzioni scritte, sarà per questo che #io NON sto con Carola! Si chiamasse pure Paola o Cristina e fosse francese o italiana non farebbe alcune differenza per me.
Trasformata da imbellettati e ricchi esponenti di sinistra in paladina, la signorina in questione ha violato la legge italiana. Intenzionalmente e volutamente. Riprendendo il tormentone della sinistra di qualche tempo fa (ma non gli è bastata la batosta elettorale!?!) del “senza se e senza ma” … in Italia si applica in maniera pragmatica la legalità e non si pretenda perciò di forzare il Codice di diritto del Mare e della Navigazione, il cui codice ho avuto modo di leggerlo già all’epoca dei Marò detenuti illegalmente in India.