Contenuto Principale

Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza

Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza. Il programma prevede interventi di pross...

Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

Inaugurazione della mostra venerdì 25 ottobre – ore 18 (ingresso libero fino a esaurimento posti) In...

Per tutto il mese di dicembre nelle Biblioteche monzesi

Una speciale atmosfera curata dai bibliotecari monzesi accoglierà i lettori per tutto il periodo n...

It's Christmas Time again: tutti gli eventi

Dal 30 novembre al 6 gennaio, l’atmosfera delle feste abbraccia le vie e le piazze della città: Pist...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Per tutto il mese di dicembre nelle Biblioteche monzesi

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • It's Christmas Time again: tutti gli eventi

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Sport
La Vero Volley Monza torna a vincere: Sora battuta 3-0 PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Dicembre 2019 09:35
vero volleyI monzesi firmano un bel successo contro i laziali, portandosi a casa la terza vittoria stagionale e tre punti preziosi.
Soli: "Soddisfatto della prova della mia squadra".
BUSTO ARSIZIO (VA), 7 DICEMBRE 2019 – La Vero Volley Monza torna a sorridere e lo fa nel migliore dei modi, ovvero battendo 3-0 in un'ora e un quarto la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora nell'anticipo dell'undicesimo turno della SuperLega Credem Banca 19-20. Il PalaYamamay di Busto Arsizio, provvisorio campo di casa dei lombardi, esulta per la prova della squadra di Soli che, nonostante l'importante assenza di Yosifov (per lui forte contrattura alla zona lombare rimediata ieri pomeriggio dalla quale non ha recuperato, ne avrà per una settimana), sforna una prestazione di grande qualità e si porta a casa la terza vittoria della stagione. Ad una partenza sottotono, complice il più lucido avvio di Sora con Joao Rafael e Di Martino ad incidere positivamente, Monza sale gradualmente d'intensità, chiudendo il primo parziale a favore ed approcciando con determinazione anche il secondo e terzo. La coralità del gioco monzese, insieme alla grande precisione in battuta (10 ace, di cui 4 di Dzavoronok e 3 a testa di Kurek e Galassi) e in attacco, sono le qualità con cui i lombardi demoliscono con pazienza i tentativi di reazione laziali, incapaci di risalire e soprattutto di limitare i bomber della Vero Volley Kurek e Dzavoronok (MVP della partita). Tra le note positive della serata c'è anche l'esordio del giovane Capelli, prodotto del settore giovanile del Vero Volley e autore del punto che regala l'urlo di gioia più grande ai suoi.
LE DICHIARAZIONI POST PARTITA Fabio Soli (allenatore Vero Volley Monza): “Stasera ha funzionato il gioco in generale. Siamo ancora un pò altalenanti in attacco ma molto costanti nella fase break: questo ci ha dato respiro anche quando in fase offensiva non andiamo come vorremmo. Dovremo lavorare tanto sul cambio palla: una volta acquisita, con una fase break di questo livello, possiamo toglierci qualche soddisfazione in più. Siamo stati bravi a metterli sotto pressione, limitando i loro due giocatori più pericolosi e questo ha reso il nostro compito più semplice. Ora ci godiamo due giorni di riposo e poi penseremo alla trasferta di Vibo Valentia". Edoardo Caneschi (centrale Globo Banca Popolare del Frusinate Sora): “Siamo partiti bene, sfruttando attacco e servizio per mettergli pressione. Dopo aver perso il primo set però non siamo riusciti a confermarci negli altri, perdendo un pò di pazienza e innervosendoci troppo. Dovremo ripartire dalle cose semplici, sbagliando meno e usando maggiormente la testa senza farci prendere dal panico".
 
La Saugella Monza espugna il PalaFenera di Chieri 3-0 PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Dicembre 2019 09:30
saugella1La squadra di Dagioni regola in tre set l'ostica formazione di casa, firmando la quinta vittoria consecutiva in campionato. Di Iulio: "Successo importante su un campo non semplice".
CHIERI (TO), 8 DICEMBRE 2019 – Prosegue con successo la serie vincente della Saugella Monza di Massimo Dagioni, che batte la Reale Mutua Fenera al Pala Fenera di Chieri per 3-0 e piazza il quinto sorriso consecutivo nella Serie A1 femminile 2019-2020. Decima giornata di andata della stagione regolare estremamente positiva per la prima squadra femminile del Consorzio Vero Volley, capace di sfornare un'altra prestazione corale di grande qualità espugnando l'ostico campo chierese. Sono le inarrestabili partenze delle lombarde nei prologhi di set, ancora senza Skorupa scesa comunque in panchina con la sua squadra, a stordire le padrone di casa, sempre pronte però a farsi sentire con gli ingressi convincenti, dal secondo set in poi, di Bosio e Guerra, in aggiunta alla buona performance di Grobelna e Perinelli. Le piemontesi lottano con generosità, fino a giocarsi punto a punto il secondo parziale dopo essere state sotto, ma impattano contro una Saugella in giornata di grazia. Se nel primo parziale sono le fiammate offensive di Orthmann e Meijners e l'ottimo turno al servizio di Squarcini a garantire la conquista del parziale alle monzesi, nel secondo si aggiungono anche quelle di Ortolani (MVP della gara con 18 punti e 5 muri) Heyrman e Danesi, illuminate con precisione da una ispirata Di Iulio. Monza parte forte anche nel terzo gioco, sfruttando anche la solida ricezione di Mariana e le tempestive difese di Parrocchiale per costruire il vantaggio e custodirlo fino alla fine del match. Terzo successo esterno dell'annata sportiva per la Saugella Monza, ora attesa dal big-match casalingo della prossima settimana contro Busto Arsizio che mette in palio altri tre punti pesanti in chiave volata Coppa Italia.
LE DICHIARAZIONI POST PARTITA Isabella Di Iulio (palleggiatrice Saugella Monza) : "E' stata una vittoria importantissima per noi. Torniamo a casa con tre punti importanti arrivati grazie a delle ottime partenze negli inizi di set: cosa che solitamente non ci ha contraddistinto in questo avvio di stagione. Quando siamo state avanti ci è poi capitato di subire il loro ritorno, complice anche un'ottimo approccio da parte di Chieri, ma siamo state sempre brave a stopparlo e a chiudere i parziali a nostro favore. Questo è un campo molto difficile, lo sapevamo. Siamo state molto brave quindi a fare nostra questa gara in tre set senza lasciargli spazio di rientro. Queste cinque vittorie di fila? Siamo felici, perchè non abbiamo mai smesso di pensare in grande. Ora subentra la Coppa Cev che ci porterà al doppio impegno e alla doppia fatica: noi però ci siamo. A Monza ho trovato un ambiente di alto livello, un'azienda vera e propria. C'è una realtà professionale che punta a fare grandi cose".
Leggi tutto...
 
Monza Giana Erminio 3 - 0, vittoria netta per Mister Brocchi PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Dicembre 2019 09:18
8 dicembre 2019, al Brianteo, il Monza di Brocchi si congeda con una nuova vittoria. I biancorossi confermano il primato in classifica conquistando il match contro la Giana Erminio grazie alle reti di Brighenti, Chiricò e Gliozzi. La gara, vissuta sotto l’occhio attento di Adriano Galliani, ha visto la netta supremazia dei monzesi, più puliti e compatti in fase offensiva. Non c’è storia ne possibilità per l’avversario che nonostante i cambi non riesce a recuperare il risultato, compromesso nella prima parte di gioco e cristallizzatosi nel finale con la terza rete dell’incontro. Difficoltá evidenti invece per i biancoazzurri che con questa sconfitta si condannano a rimanere in ultima posizione in classifica, a quota 10 punti. Per il Monza resta la grande soddisfazione di un percorso sempre più importante e proiettato verso la Serie B, unico e vero obiettivo di una societá che adesso ci crede davvero… Gli altri risultati del Girone A in cui il Monza sta rendendosi protagonista non destano preoccupazione. Vince con il minimo sforzo l'Arezzo, che supera 1-0 il Gozzano con la rete di Belloni. Cade in casa la Juve U23, superata 3-1 dalla Carrarese: protagonista Infantino, con una splendida tripletta, nel recupero accorcia Zanimacchia.
Leggi tutto...
 
La Vero Volley Monza ci mette il cuore ma nella bolgia del PalaBanco Desio passa Modena PDF Stampa E-mail
Mercoledì 04 Dicembre 2019 13:29
La Vero Volley Monza ci mette il cuore ma nella bolgia del PalaBanco Desio passa Modena 3-1 I monzesi risalgono dopo aver perso i primi due set,verovolley 2 ma non riescono ad impedire agli ospiti di chiudere il match al quarto gioco.
1 DICEMBRE 2019 – Prosegue l’imbattibilità della Leo Shoes Modena contro la Vero Volley Monza in Lombardia. Un’altra serata di cuore e generosità non è bastata alla prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley per sfatare il tabù contro i gialli di Giani, vincenti 3-1, davanti alla bolgia del PalaBanco Desio (5815 spettatori, record di presenze per una gara casalinga della formazione rossoblù), nella decima giornata di andata della SuperLega Credem Banca 2019-2020. Una partenza sottotono: questo l’aspetto che più si rimproverano i monzesi, soprattutto per l’approccio messo in campo dagli emiliani, chirurgici in attacco e devastanti al servizio. Monza va sotto 2-0 ma rientra con grinta nel terzo parziale, pur trovandosi in svantaggio. Sono le bordate di Dzavoronok e una maggiore precisione al servizio a regalare la risalita dei lombardi, capaci poi di sprintare con il neo-entrato Sedlacek e chiudere il parziale a loro favore. Sembra che la ruota sia girata a favore della Vero Volley anche nel quarto set, con Kurek a schiacciare forte e Beretta e Yosifov a farsi sentire a muro, ma Monza non sfrutta le poche occasioni che Modena concede e lascia campo agli ospiti. Dopo aver tenuto punto a punto, la formazione brianzola subisce il break degli emiliani con Bednorz (MVP del match con 20 punti, 3 ace), Zaytsev e le giocate centrali di Holt e Mazzone che chiudono il match e fanno loro i tre punti.
LE DICHIARAZIONI POST PARTITA Fabio Soli (allenatore Vero Volley Monza): “Stasera abbiamo giocato una buona pallavolo, di grande sacrificio, soprattutto nel terzo e quarto set. Siamo riusciti ad approfittare di un loro piccolo calo per rientrare e tenergli testa con grande coraggio, come successo contro Civitanova. Quando Modena gioca forte, come il primo e il secondo set, non ti lascia respiro. Sapevamo che avremmo dovuto avere delle alte percentuali in attacco per stargli dietro, però nell’inizio di gara non ci siamo riusciti. Quando siamo saliti con in fase offensiva gli siamo stati dietro, ma alla fine non è bastato. Bisogna fargli i complimenti per come hanno espresso servizio e attacco. Noi comunque siamo riusciti a giocare la pallavolo che nelle ultime gare ci ha regalato soddisfazioni e nella prossima partita dovremo ripartire da questo”. Andrea Giani (allenatore Leo Shoes Modena): “Abbiamo giocato un grande volley sino a due terzi del terzo set poi abbiamo trovato un po’ di difficoltà nel sideout e loro sono saliti di livello, lì la partita si è complicata anche perché Monza è una squadra molto pericolosa. I ragazzi hanno affrontato alla grande il quarto set e questo è fondamentale, sapersi adattare a tutte le situazioni è ciò che deve fare una grande squadra, come siamo noi. Il pubblico? Allenare Modena è fantastico, riempiamo i palazzi di tutta Italia, è un’emozione guidare questi ragazzi”.
LA CRONACA IN BREVE PRIMO SET Dopo il punto a punto iniziale (3-3), Modena piazza il break grazie a due errori monzesi, 5-3. La Vero Volley ricuce prontamente il gap con l’ace di Yosifov e passa avanti grazie alla pipe sbagliata di Bednorz, 6-5. Si prosegue in equilibrio, con Kurek che mura Zaytsev e Anderson a rispondergli prontamente, 8-8. Muro di Zaytsev su Kurek, poi di Bednorz su Louati e nuovo break modenese, 10-8. Ancora errori dai nove metri su entrambi i fronti ad accompagnare il gioco sul 12-10, poi Christenson a murare Yosifov e Soli chiama time-out. Alla ripresa del gioco la Leo Shoes schiaccia sull’acceleratore con Anderson, poi Holt piazza l’ace e Soli chiama nuovamente a raccolta i suoi sul 16-11 per gli emiliani. I monzesi tentano di rimanere nel set approfittando dei pochi errori ospiti, che sprintano poi con Anderson (ace) e Zaytsev sul 20-13. Dentro Calligaro per Orduna ma i padroni di casa fanno fatica ad incidere (23-15). Il primo tempo di Holt e la giocata di Zaytsev regalano il primo set a Modena, 25-15.
SECONDO SET Prologo che si sviluppa sulla falsariga del primo, ma Monza appare più aggressiva in battuta con Kurek e Louati (un ace a testa). Kurek spinge i suoi al break (6-4), ma qualche sbavatura dei monzesi agevola il pareggio di Modena (6-6). Dentro Beretta per Galassi e nuovo punto a punto fino all’8-8, momento in cui due errori dei lombardi agevolano la fuga di Modena, 10-8. Beretta mura Anderson e Monza torna a meno uno, 11-10, ma Bednorz piazza due ace e riallontana i gialli, 14-10. La Vero Volley non molla: mani fuori di Dzavoronok, errore di Anderson e nuovo meno due, 14-12. Yosifov mura Zaytsev, poi però Dzavoronon sbaglia in battuta e Christenson firma l’ace: Modena allunga 18-13. Dentro Federici per Dzavoronok e Sedlacek per Louati, Modena però continua ad andare a bersaglio dal centro e in battuta (20-14) e Soli chiama la pausa. Finale tutto degli emiliani, che diventano immarcabili con Zaytsev e Anderson, chiudendo il parziale, 25-15.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 73
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Rose e Libri per rivoluzionare il Mondo (Laura Giulia D'Orso)

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

I recenti risultati dei test Ocse-Pisa hanno valutato le competenze di lettura di studenti di 80 Paesi nel mondo e gli esiti sono stati spaventosi. Mostrano che i nostri quindicenni faticano a comprendere un testo. I toni allarmistici di questi giorni, incolpano la scuola, ma centrano un po’ tutti, a catena. Centra il versante politico che non ha interesse a creare menti pensanti, centrano gli insegnanti magari anche impreparati sessantottini del 6 politico, o boriosi del loro sapere ma incapaci di comunicarlo oppure stanchi di avere a che fare con “non capaci” di attenzione, quasi apatici di conoscenza.
Che quasi l’80% dei ragazzi raggiunga solo il livello minimo richiesto per la comprensione di un testo è un risultato più o meno stabile da tempo. Siamo in stagnazione culturale e quella economica ne sarà ovviamente la conseguenza, ma sono anni che mai l’agenda politica sulla scuola cambia o se cambia lo fa in peggio. La ricerca di sensazioni forti, immediate, concrete, tangibili, sostituisce la ricerca del senso, della riflessione, del pensiero: i libri hanno pagine impegnative, le rose hanno le spine, i cellulari no.
Che cosa regalate ad un bambino di 12 anni? Vi siete mai chiesti, voi genitori, quanti libri ci sono nelle loro classi, a casa, sul loro comodino? Quanto tempo dedichiamo e passiamo con loro e gli insegniamo ad osservare la Natura e quanto tempo li piazziamo davanti ad uno “schermo babysitter”? Mi chiedo, è possibile che la scuola faccia amare la lettura a chi non sa cosa sia? La scuola fa ancora amare la lettura? Come si riesce a fare amare qualcosa a chi non ha sentore di cosa sia? Ai ragazzi sempre incollati ai social come è possibile portare via quella “facile droga”?
Nel 1941 vicino Praga, una minuscola cittadina polacca Terenzin fu trasformata dai nazisti per metà in ghetto per metà in campo di concentramento. Venne annunciato il rastrellamento casa per casa dei giovani, se non si fossero consegnati l’indomani con pochissimo bagaglio. Al mattino i ragazzi si presentarono, ma la libreria del paese era stata svuotata: durante la notte avevano preso un paio di libri a testa, per metterli nel solo bagaglio concesso. Le parole di uno scrittore, un filosofo, uno scienziato... erano per quei giovani beni di prima necessità: questione di sopravvivenza. Nella stessa nazione, a inizio secolo, è stata approvata una legge per ridurre l’inquinamento luminoso notturno e restituire il cielo stellato ai cittadini: luci schermate da una certa ora.
Il cielo stellato è in estinzione: un terzo della popolazione mondiale non vede più la Via Lattea, un europeo su due scorge una manciata di stelle delle tremila visibili a occhio nudo e l’Italia è tra i Paesi con il maggiore inquinamento luminoso. Durante “la notte di S. Lorenzo” solo ad alta quota si possono scorgere ancora le Sue lacrime, scie di desideri e richieste. Per essere felici bisogna comprare anziché comprendere, godere anziché gioire, accontentarsi anziché impegnarsi... salvo poi scoprirsi sempre insoddisfatti e per eliminare questo inevitabile disagio dell’anima c’è anche il palliativo dello sballo nei momenti di crisi ed arretratezza sociale. Non credo sia un caso che da noi il consumo di droga sia in crescita.
E se invece di “umanizzare” Sardine o qualsivoglia tipo di animale, i ragazzi, aiutati da chi ancora crede nella potenza distruttiva di un libro e della conoscenza, facciano un piccolo-grande passo a cominciare da casa, da scuola, dal lavoro?! Ciò per me significa regalare rose belle, profumate e con spine acute e tanti, tanti libri, a cominciare proprio da questo Natale.
 

Quanto è il valore ed il peso dell’amore. (Laura Giulia D’Orso)

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

L’affermazione potrebbe sembrare una sinestesia, non si può usare una unità di misura per qualcosa che non risulta reale. Eppure, a ben riflettere, nel nostro agire quotidiano, siamo talmente abituati a controllare il costo delle cose, che siano beni o servizi, che spesso riteniamo che sia appunto quel dato prezzo ad identificarlo e così succede nei sentimenti. Siamo, però, così sicuri che il prezzo identifichi anche il reale valore di ciò che acquistiamo o proviamo? Certo, il prezzo è immediato e semplice da capire, mentre il valore presuppone un’analisi più approfondita.

Leggi tutto...

L'umanità è diventata litigiosa per volontà.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Anche gli animali litigano, ma per qualcosa o qualcuno, ovvero per fame, per difendere i cuccioli, per il controllo del branco o di un territorio. E alla fine uno dei due litiganti, spesso, muore. Non obbediscono ad alcuna legge se non quella della natura. Non professano alcun credo, storia o cultura: seguono, semplicemente, il loro istinto.

Leggi tutto...