Contenuto Principale

Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza

Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza. Il programma prevede interventi di pross...

Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

Inaugurazione della mostra venerdì 25 ottobre – ore 18 (ingresso libero fino a esaurimento posti) In...

Aperte le iscrizioni per le scuole 2020/2021

Dal 7 al 31 gennaio 2020 sono aperte le iscrizioni alle classi prime delle scuole primarie e sec...

il Comune di Monza investe nel piano scuola

Quasi due milioni di euro per le scuole «Puecher», «Zara», «Bachelet» e «Zucchi». Il Comune di Mon...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • Fino al prossimo 23 aprile 2020, il “Piano Freddo” a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Aperte le iscrizioni per le scuole 2020/2021

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • il Comune di Monza investe nel piano scuola

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Sport
La Vero Volley Monza torna a vincere: Cisterna battuta 3-1 PDF Stampa E-mail
Lunedì 27 Gennaio 2020 09:59

vero schiacciatoriVero Volley Monza: Louati 9, Yosifov 10, Kurek 21, Dzavoronok 26, Beretta 8, Orduna; Goi (L). Galassi, Sedlacek 1. N.e. Calligaro, Federici (L), Capelli, Ramirez Pita, Buchegger. All. Soli

Top Volley Cisterna: Van Garderen 14, Szwarc 7, Patry 21, Palacios 16, Rossi 4, Sottile; Cavaccini (L). Peslac, Elia 1, Onwuelo, Rondoni. N.e. Rossato. All. Tubertini.

Durata set: 37', 30', 24', 31'. Tot. 2h02'.

Vero Volley Monza: battute vincenti 9, battute sbagliate 12, muri 6, errori 18, attacco 55%

Top Volley Cisterna: battute vincenti 6, battute sbagliate 15, muri 6, errori 22, attacco 52%

Impianto: Candy Arena di Monza

Spettatori: 1051

MVP: Riccardo Goi (libero Vero Volley Monza)

MONZA, 25 GENNAIO 2020 – La Vero Volley Monza torna alla vittoria dopo tre stop consecutivi regalandosi una serata ricca di soddisfazioni. Prova corale di grande intensità, grande reazione di carattere dopo aver perso il primo gioco e vittoria da tre punti, la prima del 2020, contro la Top Volley Cisterna nella quarta giornata di ritorno della SuperLega Credem Banca 2019-2020. I monzesi partono sottotono, subiscono l'approccio determinato degli ospiti, guidati da un preciso Sottile in regia e dagli ottimi Patry e Palacios in fase offensiva, bravi a chiudere il primo set a proprio favore. Dal secondo gioco in poi è però la Vero Volley ad imporre un ritmo alto, con Orduna a smistare bene per le sue bocche fa fuoco Dzavoronok e Kurek, trovando nelle difese di Goi (MVP del match) e nei turni al servizio di Yosifov e Louati le armi per complicare la ricostruzione dei pontini. Sono però i break conquistati nei prologhi di secondo, terzo e quarto set a spianare la strada ai lombardi, in grado di gestire con lucidità il vantaggio e chiudere positivamente una sfida ostica.

Riccardo Goi (libero Vero Volley Monza): “Oggi siamo partiti un po' contratti, ma poi abbiamo fatto una buona partita: sono contentissimo. E' una vittoria che ci dà fiducia: i 3 punti erano fondamentali. Molte volte abbiamo dimostrato che siamo una squadra che può rimontare spesso.”

 

 
La Pro Vercelli cede di misura alla capolista Monza: 1 – 2 PDF Stampa E-mail
Lunedì 27 Gennaio 2020 09:47

 (foto Buzzi). La Pro Vercelli pur con grinta e determimonza giocatorinazione non riesce a stare al passo con la capolista Monza, la “predestinata” del campionato che già all’andata era stata straripante. Al Piola non c’è il presidente Berlusconi, ma Galliani sì e in tribuna compare anche Bobo Vieri, amico del tecnico del Monza, Brocchi.

Lo stesso Gilardino ha un importante passato in serie A e ci tiene a ben figurare: il tecnico dei bianchi decide per il prefisso 3-5-2 con l’inedita coppia d’attacco Azzi-Rosso, mentre Comi resta in panchina. Iniziano bene i biancorossi dopo una rete annullata a Iocolano, attacca la Pro Vercelli per ben due volte dalle parti di Lamanna, in un’occasione bravo sulla botta di Rosso. I padroni di casa reclamano un calcio di rigore, ma il direttore di gara indica che si può proseguire.

Leggi tutto...
 
Un buon Teamservicecar Hockey Monza cade 4-3 a Follonica PDF Stampa E-mail
Lunedì 27 Gennaio 2020 09:27
 

Niente da fare al Cahockeypannino. Il Teamservicecar subisce un altro ko di misura, uscendo sconfitto per 4-3 da Follonica e abbandona temporaneamente la zona playoff.

Privi di Ollé, i ragazzi di Colamaria giocano dell’ennesima buona prova senza però raccogliere punti. Le statistiche nude e crude parlano di una sola vittoria nelle ultime sei giornate, con una classifica che si è fatta deficitaria. Ma è tutto da prendere con le pinze e valutare con attenzione. I giovani monzesi hanno giocato una grande partita sia mercoledì scorso contro i campioni d’Italia, che ieri su una pista difficile come il Capannino: i problemi più evidenti sono in zona gol, perché la difesa ha retto e tre delle quattro segnature maremmane sono giunte su tiro da fermo, oltre ad una rete contestata vivacemente da Zampoli.

Bisogna però guardare al futuro e di fronte ci sono due avversari come Lodi (sabato) e Breganze, poi il Porto in Eurolega, che concluderà questo incredibile tour de force. Da metà febbraio in poi il Monza finalmente potrà sfidare tutte le dirette concorrenti per la conquista della decima posizione, l’ultima utile per i playoff.

La cronaca della partita

L’equilibrio tra le due squadre è pressoché totale e nel primo tempo si segna solamente su rigore. Il vantaggio matura grazie ad un chirurgico penalty di Zucchetti, con il Monza che però non sfrutta l’inerzia del gol e subisce il pareggio a 51 secondi dalla fine del primo tempo: colpo su bastone di Pol Franci e Francesco Banini che trasforma il rigore. Venti secondi più tardi viene espulso Cancela, ma Galimberti fallisce il tiro diretto, con un errore che peserà enormemente nell’economia del match.

Il Follonica non sfrutta un’occasione in contropiede, mentre il power play prosegue nella ripresa, con 97 secondi di superiorità in favore del Monza, che però non concretizza.

Il vantaggio del Follonica matura con una pallina alta, addomesticata da M. Pagnini: Zampoli si ferma, esce dalla porta innervosito dal mancato fischio e Banini insacca. Il portiere monzese protesta per la convalida del gol e rimedia un blu: entra Lorenzo Uboldi, che prima respinge un situazione complessa, poi compie due miracoli consecutivi, togliendo un gol già praticamente fatto a Marco Pagnini. Davvero ottima la sua prova.

 

La gara è viva, Franci e Martinez si mangiano un contropiede due contro uno in campo aperto, con l’argentino che due minuti dopo non aggancia un assist di Zucchetti, il Monza concede qualcosa, ma nelle ripartenze è sempre pericoloso. Al 18’ la gara si decide: Galimberti aggancia Cancela e rimedia un blu. Il galiziano trasforma il tiro diretto del 3-1 e il Teamservicecar non riuscirà a recuperare il break.
Leggi tutto...
 
Monza - Pro Patria: 2-0 PDF Stampa E-mail
Giovedì 23 Gennaio 2020 11:44

Contro la capolista guidacalcio pro monzata da mister Brocchi nulla possono i tigrotti della Pro Patria. Monza, ormai di un’altra categoria, vince 2-0 grazie alle reti – entrambe su calcio piazzato – di Fossati al 18′ del primo tempo e Dany Mota al 38′ della ripresa, colpo di testa su battuta tagliata di Lepore da sinistra. I tigrotti si fermano invece sulla traversa colpita da Mastroianni con un’incornata al 32′ della prima frazione.

La vittoria era ovviamente prevedibile al “Brianteo”, con un tifo amico anche se il turno infrasettimanale ed il gran freddo non hanno aiutato gli infreddoliti ultras.

La Pro Patria si presenta al cospetto della capolista indiscussa del Girone A cambiando ancora rispetto all’ultima uscita: Tornaghi è una delle poche conferme, in difesa con Lombardoni ci sono Battistini e Molinari, a centrocampo il regista è Bertoni affiancato dalle mezzali Palesi – ex di turno – e Ghioldi mentre sulle fasce ci sono agiscono Cottarelli a destra e Galli a sinistra. In attacco spazio a Mastroianni e Defendi. Il Monza di mister Cristian Brocchi si schiera con un 4-3-1-2 con Iocolano alle spalle delle punte Brighenti e Gliozzi.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 75
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Dalla Parte degli Animali (seconda parte) Laura G. D'Orso

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

La grandezza di una nazione ed il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. - M. K. "Mahatma" Gandhi (1869-1948).

L’uomo tende a migliorarsi e a migliore il mondo che lo circonda, investe nel progresso, promuove iniziative meritevoli in molti campi, ma sulla strada che porta all’armonia con gli animali purtroppo resta indietro. Gli animali continuano ad essere trattati come cinquanta o cento anni fa.

Animali legati alla catena, rinchiusi in recinti simili a lager, picchiati, abbandonati, e spesso seviziati per puro sadismo.

E tutto questo, come si apprende dalle notizie sui giornali, non avviene solo nelle zone più degradate del pianeta, tutto ciò avviene anche nelle città e nei paesi, tra i palazzi e le villette che costituiscono la nostra quotidianità, la nostra civiltà.

Il decreto, che ci auguriamo farà da apripista anche per tutti gli altri Paesi del mondo è partito dall'Uruguay dove il Presidente Josè Mujica ha segnato un’importantissima svolta nella regolamentazione e punizione degli episodi di maltrattamento animale. Tale decreto garantisce agli animali le cinque libertà fondamentali: quella dalla fame e dalla sete, quella dal disagio, quella da dolore, sofferenza e malattia, quella da paura e angoscia, e quella di poter esprimere un comportamento naturale.

Cosa fare se si è testimoni di un maltrattamento a un animale?

Nei casi di maltrattamento sono gli Organi di Polizia Giudiziaria che devono intervenire, quindi i Vigili Urbani, i Carabinieri, la Polizia, la Guardia di Finanza e il Corpo Forestale. Chi pensa che, trattandosi di animali, le sole che possono essere interpellate sono le Guardie Zoofile, sbaglia.

La Cassazione ha ribadito che tutti gli organi di Polizia Giudiziaria sono competenti per i reati in materia ambientale e di tutela animali (Cass. pen. sez. III - Pres. Gambino - Est. Postiglione - n.1872 del 27/9/91).

Ecco solo i più comuni e ripetuti tipi di maltrattamento:

- Scommesse clandestine;

- Cane legato con catena o corda troppo corta;

- Legare l’animale al sole;

- Lasciare l’animale chiuso in auto sotto il sole;

- Allontanare un’animale colpendolo con oggetti contundenti causandogli danno

Chiunque può denunciare alle autorità i colpevoli di tali crudeltà raccogliendo tutte le prove necessarie ad individuare il colpevole.

Tre italiani su dieci possiedono uno o più animali domestici e il 76,8% di loro, li considera membri effettivi della famiglia. Sei su dieci li ritengono i loro migliori amici (60%), quasi un terzo, addirittura veri e propri figli (32,9%).

Alla luce di questi dati, emersi nell’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, appare ancora più significativa l’iniziativa promossa da oltre 140, per chiedere che il Codice Civile riconosca tutti gli animali come esseri senzienti. Cambiando la legge, che considera attualmente gli animali come “res”, “cose mobili”, tutti coloro che li maltrattano, torturano o abbandonano, saranno soggetti a pene più severe, in quanto responsabili di reati ben più gravi.

A leggere i numeri dell’Eurispes, l’Italia è un Paese sempre più pet friendly: cresce il numero di chi vive insieme ad un animale (33,6%, ovvero l’1,1% in più rispetto al 2018); ma, il dato più sorprendente è che crescono le famiglie che accolgono due, tre o più animali: rispettivamente 8,1% (7,1 nel 2019), 4,7% (contro il 3,7% dell’anno precedente) e 3,8% (nel 2016 era il 2,3%).

I cani si confermano gli animali da compagnia più presenti nelle case (40,6%), seguiti ovviamente dai gatti (30,3%). Ma insieme a loro, ci sono anche uccelli (6,7%), pesci (4,9%), tartarughe (4,3%), conigli (2,5%) e criceti (2%).

La “pet passione” non si ferma nemmeno davanti a ostacoli e problemi pratici che, nonostante questi numeri, i possessori di animali continuano a incontrare quando frequentano ristoranti, alberghi, negozi e spiagge.

L’Eurispes nel 29esimo Rapporto Italia rivelava che oltre otto italiani su dieci (80,7%) sono contrari alla vivisezione e che l’67,3% è contrario alle pellicce. Più di sette italiani su dieci vorrebbero abolire la pratica dell’utilizzo degli animali nei circhi (81,4%, contro il 68,3% del 2015); il 54,9% vorrebbe togliere gli animali dagli zoo (nel 2015 erano il 53,3%).

L’area geografica meno sensibile ai diritti degli animali sembra essere il Nord-Ovest, maggiormente incline alla caccia, con quasi il 46,6% dei consensi, maggiormente favorevole all’impiego degli animali nei circhi (37,7% dei consensi) e negli zoo (54%), poi ci sono le Isole dove anche le Strutture alberghiere ed i ristoranti non sono sempre disposti ad accogliere animali domestici.

https://eurispes.eu/rapporto-italia-2019-italiani-e-animali-un-amore-senza-fine/

 

Dalla Parte degli Animali. (prima parte) Laura G. D'Orso

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Quanti sono gli animali rinchiusi nei Circhi in Italia e in quali Paesi sono vietati?        

Mentre in Stati come Austria, Belgio, Croazia, Rep. Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Grecia, Malta, Polonia, Slovacchia, Svezia, Regno Unito, Portogallo e Olanda, Stati Uniti hanno oramai vietato gli spettacoli con animali, da noi, in Italia, si deve ricorrere alla differente visione delle diverse Amministrazioni locali e Monza dall’ottobre del 2017 è diventata una città “circus free”, grazie anche agli sforzi dell’Assessore Massimiliano Longo, che ha ben vigilato e controllato autorizzazioni e strutture.

Il contesto legislativo italiano si sta muovendo anche se con grande fatica, dato il momento politico delicato. Nel novembre 2017 era stata approvata la Legge del Codice dello Spettacolo n.4652 che prevedeva il graduale superamento della presenza degli animali nei circhi e nelle attività dello spettacolo viaggiante. Rimaneva poco dettagliato cosa si intendesse esattamente per "graduale superamento" e rimaneva il dubbio di quando esattamente questa inversione di rotta potesse essere attuata velocemente.

Leggi tutto...