Contenuto Principale

100 scatti di Robert Capa a Monza

Arriva all’Arengario di Monza dal 7 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019 una grande mostra dedicata a R...

Il cane antidroga Narco in via Gramsci ed Artigianelli

Continuano le attività di controllo antidroga e di presidio del territorio da parte del NOST, squadr...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Limitazioni e misure anti inquinamneto

Come ogni anno, nel semestre invernale, per migliorare la qualità dell’aria Regione Lombardia mett...

Monza - dal 27 ottobre MonzaMontagna 2018

“MonzaMontagna” cresce anno dopo anno e per la quattordicesima edizione, partita lo scorso 7 ottobre...

  • 100 scatti di Robert Capa a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Il cane antidroga Narco in via Gramsci ed Artigianelli

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Limitazioni e misure anti inquinamneto

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Monza - dal 27 ottobre MonzaMontagna 2018

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Sport
Benfica – Teamservicecar HRC Monza 3-1 PDF Stampa E-mail
Lunedì 22 Ottobre 2018 09:51
hockeyIl Teamservicecar Monza perde 3-1 con il Benfica, uscendo dal Pavillhao Fidelidade di Lisbona tra gli applausi scroscianti del pubblico sportivo del Benfica. Una prestazione maiuscola, che consente ai brianzoli di tornare a casa con zero punti in tasca, ma con una immensa dose di fiducia. Gli uomini di Pedro Nunes hanno avuto la colpa di sottovalutare la giovane squadra biancorossoblu e i suoi giocatori senza ancora un curriculum importante alle spalle. Un dettaglio non da poco, che ha portato i lusitani a soffrire praticamente fino all’ultimo secondo, contro un Monza che ha saputo mantenere un’intensità costante per 50 minuti.
Primo Tempo I ragazzi di Colamaria hanno saputo tenere testa al Banfica per l’intero primo tempo, chiuso con un gisto 0-0, dove il ruolo da protagonista l’hanno avuto i rispettivi portieri, Stefano Zampoli e Pedro Enriques. Il toscano, autore di una prestazione maiuscola, ha fornito una prova di grande maturità, neutralizzando un tiro diretto di Adroher per l’espulsione di Pol Franci e respingendo l’assalto lusitano nel power play.
Leggi tutto...
 
gruppo B giornata 8 - Monza Teramo nervosismo e sconfitta PDF Stampa E-mail
Lunedì 22 Ottobre 2018 09:24
zaffaroni 2Giornata nera per l’A.D. Galliani che in tribuna vip con l’amico Fabio Capello vede il Monza perdere dopo la disfatta esterna dei biancorossi al Menti di Vicenza. Il colpaccio del Teramo al Brianteo sul Monza segue di poco quello del Milan contro l’Inter, stesso risultato 0 a 1.
Decisivo, il difensore Nebil Caidi, abile ad insaccare di testa, al 17' del primo tempo su un angolo calciato da Mastrilli. Lo stesso Caidi, poi nella ripresa, salva nei pressi della linea un pericoloso tentativo da parte del Monza. Pegallianir il Monza, il centravanti Cori crea molto ma spreca diverse occasioni. Dietro invece la difesa balla pericolosamente ed ilTeramo con Piccioni, poco prima dell’intervallo, potrebbe già chiudere il match, con il palo che  salva i brianzoli. Negli istanti finali, Negro reclama un calcio di rigore per una trattenuta, ma l’arbitro non concede il penalty.
Leggi tutto...
 
Hockey Roller Club Monza intervista a Tommaso Colamaria PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Ottobre 2018 05:46
Tommaso Colamaria, allenatore del Teamservicecar Monza, che disegna il punto della situazione in vista della gara di sabato sera tra Benfica e HRC Monza.
 
"Stiamo lavorando su una cultura che ci deve far giocare ed imporre il nostro gioco e non agire di conseguenza a ciò che l'avversario ci propone"
Le aspettative su questo incontro sono strettamente legate proprio all'esordio in Eurolega, perché siamo consapevoli di doverci confrontare con un livello che rappresenta il top mondiale. Dai miei ragazzi mi aspetto che sfruttino al massimo ogni scelta, ogni situazione, ogni frazione di secondo della partita, con la massima concentrazione, ma senza terrore. Dobbiamo giocare concentrati, ma allo stesso tempo dovremo essere sereni proprio per far proprie tutte queste situazioni di livello superiore che andremo ad incontrare.
 
L'aspetto mentale e l'approccio saranno fondamentali
L'aspetto mentale è il lato fondamentale. Abbiamo pochissimi aspetti tattici da valutare, stiamo lavorando su una cultura che ci deve far giocare sempre allo stesso modo, una strategia che prevede l'imposizione del nostro gioco e non l'agire di conseguenza a ciò che l'avversario ci propone.
Non dobbiamo snaturarci perché renderemo sicuramente meno e saremo meno efficaci in ogni zona della pista. Quindi testa libera ed equilibrata, mentre sgombra, la loro velocità d'esecuzione dev'essere contrastata solo con la velocità mentale delle scelte, in contrasto con la varietà di scelte che loro proporranno.
 
Sono le partite che tutti vorrebbero giocare
In gare di questo genere non servono motivazioni: queste sono le partite che tutti vorrebbero giocare. Ad essere sincero sono le gare più mi mettono nostalgia del passato. Beh, generalmente non sono un "nostalgico", ma queste gare me lo fanno ricordare e so per certo che tutti quelli che non le giocano vivono attimi di comprensibile invidia.
 
Pareggia il Monza al Brianteo contro la Triestina PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Lunedì 15 Ottobre 2018 09:12
20181014 190124La sesta giornata del campionato di serie C, la terza dell’era Berlusconi- Galliani vede i ragazzi di Mister Zaffaroni e i “gemellati” rossoalabardati  in un “Brianteo” rimesso a nuovo per la prima del neo Presidente Silvio Berlusconi, in tribuna insieme all’A.D. Adriano Galliani. I vip presenti sono al seguito Vip: Paolo Berlusconi, l’avvocato Leandro Cantamessa, nuovo legale del Monza, il giornalista Gigi Marzullo e l’eurodeputata di Forza Italia, Lara Comi, il presidente del collegio sindacale dott. Vitadini, i vertici Finivest. Poi arriva la vecchia dirigenza biancorossa, E’ uno scontro d’alta classifica, con le due squadre appaiate al secondo posto a quota dieci punti, in una serata seguita dalle telecamere di Sportitalia e con le rispettive curve unite da un amicizia ultratrentennale. Berlusconi prima del match scende negli spogliatoi a caricare la squadra.
berlusconi negli spogliatoi1Nei padroni di casa a sorpresa parte dal 1’ Guidetti, dichiarato in forte dubbio per l’intera settimana. Non figura invece nei convocati Reginaldo, partono dalla panchina Jefferson e Iocolano. La Triestina schiera invece dal 1’ Pablo Granoche “il Diablo” confermando per dieci undicesimi lo schieramento di partenza visto una settimana fa contro la Virtus Verona.
Avvio equilibrato con la Triestina che tiene maggiormente palla e mostra un discreto predominio territoriale controllando il gioco, il Monza nei primi 10’ mostra una fiammata di D’Errico ben contenuta da un’attenta diagonale di Libutti.
La prima vera occasione è degli ospiti al 14’, ed è una chance clamorosa: Bracaletti sulla corsa di Maracchi sull’out di destra, palla bassa all’indietro sulla quale Mensah a botta sicura spedisce in curva col piattone dai dieci metri. 4’ più tardi ancora Triestina pericolosa, sempre nata sulla destra, stavolta al tiro arriva Maracchi col diagonale rasoterra, la difesa brianzola si salva respingendo all’altezza dell’area piccola. La prima vera risposta del Monza arriva al 21’ e solo un prodigioso riflesso di valentini impedisce a Riva di indovinare il colpo di testa vincente su piazzato di Guidetti dai quaranta metri. Al 24’ la Triestina perde banalmente una palla in uscita e Ceccarelli per pochissimo non ne approfitta, centrando in pieno la traversa con un pregevole interno sinistro dall’interno dell’area su assist di Cori.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 63
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Ad buon intenditor poche parole

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Esistono numerosi studi economici che analizzano l’impatto del cambio di un manager sulle performance di un’azienda. Le stime sono rilevate in genere nelle aziende quotate in borsa ma risultano ignote nelle aziende di dimensioni più piccole. I dati presi dallo sport non fanno eccezione: in particolare, quelli del calcio. In genere “il manager” che viene rimosso per primo e sostituito nel calcio è l’allenatore, che affronta il rischio dell’esonero. Si parla sempre più di leadership, di motivazione: il vero capo è colui che sa tirare fuori il meglio dai suoi collaboratori, creando un gruppo unito ed una missione da raggiungere. Nel calcio è cercare di vincere una partita, allora i giocatori non sono troppo diversi, ognuno con il proprio ruolo, dal team di un’azienda che punta alla realizzazione di un progetto di successo. I dati calcistici hanno quattro vantaggi, in particolare, per studiare questo fenomeno. Innanzitutto, la performance è misurata su base settimanale, attraverso tre semplici indicatori: vittoria, pareggio o sconfitta della squadra. Le scelte dell’allenatore sono osservabili da tutti, cioè i giocatori schierati ed il tipo di gioco adottato. Le competizioni calcistiche sono relativamente omogenee tra loro, confrontando tra loro squadre con gli stessi obiettivi Le caratteristiche importanti degli allenatori sono conosciute, come l’esperienza pregressa nello sport, l’età, e i risultati ottenuti in passato. Si possono estrarre da questi dati tre ipotesi La prima è la teoria del “senso comune”, secondo la quale un allenatore è il responsabile dei risultati deludenti di una squadra. La seconda teoria è quella del “circolo vizioso”: nonostante l’esonero, la squadra continuerà a fare male, a causa della confusione all’interno delle relazioni societarie. Il cambio allenatore avrà un effetto destabilizzante, in negativo. La terza teoria che tenta di spiegare il fenomeno dell’esonero prende il nome del “rito del capro espiatorio”. Un tecnico è allontanato solo per divergenze con la società ma ha l’appoggio dei tifosi, dei media e soprattutto dei suoi giocatori. Ma è davvero così o potrebbe trattarsi di una sorta di illusione ottica? I risultati del campo possono essere influenzati da diversi fattori, che non sono presi in considerazione da un approccio comparativo semplicistico. Innanzitutto, il nuovo allenatore e quello precedente non giocano contro gli stessi avversari, né un nuovo management ha per forza di fronte le stesse sfide di quello precedente. Ad esempio, è possibile che l’allenatore esonerato abbia iniziato la stagione affrontando gli avversari più forti, mentre il nuovo si trova lungo il percorso avversari meno forti. Oppure che il management abbia dato vita a un’opera di risanamento lacrime e sangue i cui effetti si vedranno solo in un futuro più lontano. Quindi, cambiare allenatore o management può essere del tutto inutile? Nel caso delle piccole e medie squadre gli studi dicono di si, porta incertezza. Da quanto il Monza Calcio è passato di mano ed i nuovi proprietari sono Silvio Berlusconi e l’ad. Galliani, la squadra non ha più vinto. I risultati positivi delle prime tre partite si sono trasformate in una sconfitta e due pareggi. Certamente non aiuta al gruppo, all’allenatore e allo staff tecnico, leggere e sentire da certa stampa nomi accostati a quello o a questo. Non aiutano sapere che già si cerca un nuovo allenatore o che lo staff potrebbe essere “invaso” da ex milanisti. Diamo perciò a Mister Zaffaroni ciò che è di Mister Zaffaroni: il merito di avere creato un gruppo unito, una missione da raggiungere, una leadership forte dello staff e ……. basta “sparate”.