Dopo l’allestimento al Centre Pompidou di Parigi arriva a Bologna, in una versione inedita, l’installazione di Alice Rohrwacher e Muta Imago con la partecipazione di Thierry Boutemy che invita il pubblico ad ammirare la Terra da un’altra prospettiva

Restituito alla città con un importante progetto di restauro e restituzione, il Cinema Modernissimo torna protagonista della vita culturale di Bologna presentando negli spazi della omonima Galleria una installazione site specific di grande fascino.

Da martedì 18 giugno, in occasione della 38ª edizione del festival Il Cinema Ritrovato, viene presentata per la prima volta in Italia Bar Luna, installazione di Alice Rohrwacher e Muta Imago (Claudia Sorace e Riccardo Fazi) con la partecipazione di Thierry Boutemy.

Dopo il successo ottenuto a dicembre 2023 al Centre Pompidou di Parigi, nell’ambito dell’evento Alice Rohrwacher, Rêver entre les mondes, l’opera – un dispositivo magico capace di connettere gli spettatori all’immaginario poetico e creativo dell’autrice – viene adattato agli spazi della galleria bolognese. Un lavoro che approfondisce alcuni temi affrontati dalla regista nel suo ultimo film, La Chimera, ispirato al mito di Orfeo ed Euridice, e che si interroga sul passato e sull’origine delle nostre radici, personali e comunitarie.

Bar Luna fa parte del ricco cartellone di appuntamenti della 38ª edizione del festival Il Cinema Ritrovato, (22 – 30 giugno 2024) promosso dalla Cineteca di Bologna.

Di admin